CHIUDI
Home POPMOlise Gli Amici Nostri Calendario Spazio sfuso E-mporio

iniziativa cofinanziata dal FEASR
torna al calendario
 
Paese del mese - Macchia Valfortore
 
 
Abitanti:
552 Macchiaroli
 
Altitudine:
477m s.l.m.
 
Patrono:
San Nicola Di Bari - 6 Dicembre
 
Festa:
San Bonifacio - Copatrono - 14 Maggio
 
 
Il lago di Occhito è un invaso artificiale realizzato alla fine degli anni '50, per far fronte alle esigenze idriche della provincia di Foggia, al confine tra Molise e Puglia. I lavori di costruzione ebbero inizio nel 1957 e si protrassero fino al 1966. Tra le dighe in terra battuta più grandi d’Italia, ha il suo muro di sbarramento in una gola scavata dal fiume Fortore, che lo alimenta costantemente con le sue acque. Colpisce la perfetta simbiosi tra questo lago artificiale ed i paesi circostanti: sembra che nulla sia stato toccato dal tempo, come se la mano dell'uomo non fosse mai intervenuta.
L’ecomuseo “La casa, i mestieri e la cultura della memoria” nasce a Macchia Valfortore nel 2004 grazie a Mariella Brinidisi e alla sua volontà di valorizzare la collezione di testimonianze di cultura materiale ed immateriale del territorio del Fortore. L’ecomuseo si compone di quattro stanze limitrofe, i cui temi abbracciano le varie emergenze del mondo contadino: la casa, i mestieri e la cultura della "Toppa" in vico Pisa, oltre all’antica falegnameria ricca di attrezzi, e la bottega di tamburi a cornice di Mario Mancini. L'attività del museo si esplica non solo nella ricerca e nell'esposizione degli oggetti, ma anche nella ricerca e nella conservazione di filmati di tradizioni, cultura orale, storie di vita e canti. Inoltre, l’ecomuseo ha svolto un’interessante ricerca bibliografica reperendo presso librerie antiquarie i volumi de "La Congiura dei Principi del 1701”, detta la Congiura di Macchia, scritta da Giambattista Vico. L'ecomuseo ospita anche la stazione di rilevamento sismico della Rete Sismica Sperimentale Italiana.
A partire da un vecchio rudere, Andrea di Iorio si è dedicato al restauro di un mulino ad acqua situato poco fuori dal borgo di Macchia Valfortore. Struttura esemplare dell’architettura rurale, il mulino mostra il sistema di attività dell’arte molitoria, dai canali per l’adduzione dell’acqua, alle macine, fino all’abitazione del mugnaio.
Macchiarol, fritt' c' l'ov' pisc' 'ndu lett' e dic' ca chiov' / (macchiarolo fritto con l'uovo piscia nel letto e dice che piove).